Scegliere Activity Tracker

Come scegliere un Activity Tracker per fare Sport

Che cos’è un activity tracker?

Prima di capire come fare per scegliere un activity tracker, vogliamo parlarvi proprio di questo oggetto. Che cos’è un activity tracker? Un activity tracker serve a tenere sotto controllo l’attività fisica che si svolge quotidianamente, non per forza a livello agonistico. L’activity tracker possiede una serie di sensori, che sono in grado di captare tutti i movimenti del nostro corpo e non solo, può avere tantissime altre funzionalità. Solitamente possiede la forma di un bracciale, quindi, può essere indossato tutti i giorni senza dare alcun fastidio e lo si può collegare ad altri dispositivi come lo smartphone ed il PC. Come la maggior parte dei prodotti tecnologici, sul mercato ne esistono davvero tantissimi tipi diversi: ecco, per voi, una guida su come scegliere l’activity tracker più adatto alle vostre esigenze.

1. Funzionalità

La prima cosa di cui tener conto prima di scegliere un activity tracker sono le funzionalità di quest’ultimo. Come abbiamo detto prima, gli activity tracker sono dotati di sensori. I tipi di sensori però possono essere diversi, quindi sarebbe meglio sceglierlo in base alle funzioni che più possono servici. Tra le funzionalità più comuni troviamo il contapassi, il gps, il conta calorie, ecc. In alcuni modelli è possibile anche tenere sotto controllo l’attività cardiaca, mediante una fascia o un sensore collegato al dispositivo. Inoltre, su alcuni modelli è possibile anche effettuare e ricevere chiamate senza dover prendere il proprio smartphone in mano.

2. Compatibilità e durata della batteria

Un altro aspetto importante, prima di effettuare l’acquisto, è quello di verificare la compatibilità del dispositivo con il nostro smartphone o PC. Alcuni modelli comunicano solo attraverso le app dedicate, quindi se il modello non è compatibile con lo smartphone sarebbe impossibile leggerne le informazioni. Alcuni activity tracker sono compatibili solo con il sistema operativo Android, altri solo con IOS.

Anche la durata della batteria è un aspetto importante, poiché si tratta di un dispositivo che non possiamo metterci a caricare ogni giorno. Ovviamente più funzionalità offre il dispositivo, meno sarà la durata della batteria, ma dovrebbe durare almeno due giorni. Se il dispositivo possiede invece, funzioni standard, la batteria dovrebbe durare almeno 4 o 5 giorni.

3. Display e materiali

Il display costituisce la parte più importante, poiché è la prima cosa che si guarda quando lo si indossa. Fate attenzione a scegliere solo display retroilluminati, perché gli altri sono difficili da leggere quando non c’è molta luce. Alcuni modelli, invece, non sono dotati di display, ma solo di led luminosi che cambiano colore a seconda dell’attività.

Altro aspetto importante da valutare è quello dei materiali, non vorrete un dispositivo che si distrugge in mille pezzi vero? Per quanto riguarda il cinturino prediligete materiali morbidi e gommati, perfetto per un utilizzo assiduo. Per quanto riguarda il display, questo deve essere resistente agli urti e ai graffi, come un gorilla glass. Se fate attività all’aperto o a contatto con l’acqua, ricordatevi di sceglierne uno totalmente impermeabile.

4. Prezzo

Il prezzo di un activity tracker è molto variabile, vanno da un minimo di 50€ fino a raggiungere i 400€. Tutto dipende dalle funzionalità che offre e dai materiali con cui è realizzato. Se vuoi una lista dei migliori activity tracker del 2017 puoi trovare la lista completa su s-m-webblog.com e chiarirti ulteriormente le idee.

Registrandoti e Commentando acconsenti alla nostra Privacy Policy e accetti i nostri Termini e Condizioni.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *